Posts Tagged ‘pierluigi bersani’

Proposte

11 gennaio 2013

Pubblichiamo con un certo ritardo la lettera inviata da AFFI & Power Gender. Tra i 10 nominativi segnalati si trovano donne ora  candidate dal  PD in buona posizione e altre che potrebbero portare un notevole contributo  o come candidate alle regionali o con incarichi.

Ci piace evidenziare che nell’elenco è compresa anche Agnese Canevari, Segretaria- tesoriera di Aspettare stanca.

Roma , 4 gennaio 2012

Alla cortese attenzione di :

Pierluigi Bersani          Segretario Partito Democratico

Maurizio Migliavacca   Responsabile Organizzazione PD

Roberta Agostini          Responsabile Conferenza donne PD

Riccardo Nencini        Segretario Partito Socialista Italiano

Rita Cinti Luciani         Dipartimento Pari Opportunità PSI

Nichi Vendola                 Presidente di Sinistra Ecologia Libertà

Francesco Ferrara        Responsabile Organizzazione S.E.L.

Maria Luisa Boccia       Presidente assemblea Nazionale

Ai partiti dello schieramento del centrosinistra e a coloro che hanno promosso le primarie proponiamo  di compiere una scelta  politica ambiziosa, capace di ampliare l’orizzonte e misurarsi con realtà oltre i partiti.

Come “Laboratorio 50&50”  dell’AFFI  e come Associazione “Power and Gender

abbiamo promosso a  fine dicembre, visti i ristretti limiti di tempo, una consultazione tra le associazioni Romane federate all’AFFI ,e/o che fanno riferimento alla Casa Internazionale delle donne; abbiamo  chiesto alle associazioni  di indicarci, nonostante i brevi tempi,  10 nomi di donne da candidare.

Donne autorevoli, competenti, riconosciute per il loro impegno, in grado di arricchire con uno sguardo di genere  la responsabilità  parlamentare.

Abbiamo ricevuto oltre settanta nomi di donne diverse, indicate dalle varie associazioni.

Sappiamo che nei prossimi giorni verrà conclusa dai vostri partiti la composizione definitiva delle liste.

Noi vi trasmettiamo l’elenco delle 10 donne che hanno ricevuto il maggior gradimento e  numero di segnalazioni,

Nomi  diversi, noti e cari a chi ha a cuore le politiche paritarie e l’impegno costante per affermare una democrazia inclusiva e partecipata.

Riteniamo che la ricchezza e la qualità della proposta, possa essere a buon titolo, presa in seria considerazione dai vostri partiti.

Inviamo In allegato le dieci proposte e restiamo a vostra disposizione per ogni ulteriore chiarimento.

Cordiali saluti

Per  AFFI                                                                                Per  POWER AND GENDER

Associazione Federativa Femminista Internazionale           Associazione per l’informazione e l’empowerment

EDDA   BILLI                                                                                                               IRENE GIACOBBE (more…)

Annunci

Dalla porcata 1 alla porcata 2?

28 agosto 2012

 

Quando saremo chiamati alle urne per eleggere il nuovo Parlamento, il valore delle croci che metteremo o decideremo di non mettere sulle schede di noi modesti elettori ed elettrici,  dipenderanno solo in parte dalle nostre decisioni e in misura maggiore dalla legge elettorale, quella nuova (se sarà approvata, come sembra ormai intenzione dei partiti che sostengono il Governo Monti) o l’attuale.

Con la porcata 1 ci è stato scippato il diritto di scegliere i nostri rappresentanti in Parlamento, con le note nefaste conseguenze. I partiti dell’attuale anomala maggioranza promettono una nuova legge che dovrebbe eliminare questa ferita inferta alla nostra democrazia, anche se ancora non c’è accordo sul sistema da adottare.

Meno si discute dell’altro deficit democratico del nostro sistema parlamentare, che non è dotato di norme che garantiscano una presenza di donne proporzionate alla loro presenza nella società. Questa circostanza, più volte evidenziata anche dall’Accordo comune per la democrazia paritaria, non stupisce perché tutti uomini sono sia  i cosiddetti “sherpa”, che il 29 agosto renderanno noto il risultato del loro lavoro estivo, sia il Comitato ristretto della Prima Commissione Affari Costituzionali del Senato, che l’esaminerà in prima battuta.

Il dibattito è invece acceso e i mass media prestano attenzione al primo punto: come restituire agli elettori (e alle elettrici) il diritto di scelta dei parlamentari nonché sui criteri per assegnare il premio di maggioranza, che determineranno oppure no  un Parlamento con una maggioranza determinata dal voto. (more…)