Posts Tagged ‘diritti’

Le sindache elette al primo turno. Se ne riparla dopo i ballottaggi.

18 giugno 2017

Riceviamo da Daniela Domenici:

finito 🙂

se ne riparla dopo i ballottaggi…

 

https://danielaedintorni.com/2017/06/18/le-sindache-elette-eo-rielette-in-lombardia-alle-amministrative-2017-resoconto-di-daniela-domenici/

 

Il giorno 18 giugno 2017 06:12, Daniela Domenici <danieladomenici57@gmail.com> ha scritto:

https://danielaedintorni.com/2017/06/18/le-sindache-elette-eo-rielette-in-piemonte-alle-amministrative-2017-resoconto-di-daniela-domenici/

 

Il giorno 17 giugno 2017 09:59, Daniela Domenici <danieladomenici57@gmail.com> ha scritto:

https://danielaedintorni.com/2017/06/17/le-sindache-elette-eo-rielette-in-veneto-alle-amministrative-2017-resoconto-di-daniela-domenici/

 

Il giorno 17 giugno 2017 08:41, Daniela Domenici <danieladomenici57@gmail.com> ha scritto:

https://danielaedintorni.com/2017/06/17/le-sindache-elette-eo-rielette-in-friuli-venezia-giulia-alle-amministrative-2017-resoconto-di-daniela-domenici/

 

Il giorno 17 giugno 2017 06:27, Daniela Domenici <danieladomenici57@gmail.com> ha scritto:

https://danielaedintorni.com/2017/06/17/le-sindache-elette-eo-rielette-in-liguria-alle-amministrative-2017-resoconto-di-daniela-domenici/

 

Il giorno 17 giugno 2017 06:16, Daniela Domenici <danieladomenici57@gmail.com> ha scritto:

https://danielaedintorni.com/2017/06/17/le-sindache-elette-eo-rielette-in-emilia-romagna-alle-amministrative-2017-resoconto-di-daniela-domenici/

 

Il giorno 16 giugno 2017 17:55, Daniela Domenici <danieladomenici57@gmail.com> ha scritto:

https://danielaedintorni.com/2017/06/16/le-sindache-elette-eo-rielette-nel-lazio-alle-amministrative-2017-resoconto-di-daniela-domenici/

 

https://danielaedintorni.com/2017/06/16/le-sindache-elette-eo-rielette-in-umbria-alle-amministrative-2017-resoconto-di-daniela-domenici/

 

Il giorno 16 giugno 2017 06:33, Daniela Domenici <danieladomenici57@gmail.com> ha scritto:

https://danielaedintorni.com/2017/06/16/le-sindache-elette-eo-rielette-in-campania-alle-amministrative-2017-resoconto-di-daniela-domenici/

 

Il giorno 16 giugno 2017 05:31, Daniela Domenici <danieladomenici57@gmail.com> ha scritto:

https://danielaedintorni.com/2017/06/16/le-sindache-elette-eo-rielette-in-abruzzo-alle-amministrative-2017-resoconto-di-daniela-domenici/

 

Il giorno 16 giugno 2017 05:20, Daniela Domenici <danieladomenici57@gmail.com> ha scritto:

https://danielaedintorni.com/2017/06/16/le-sindache-elette-eo-rielette-in-molise-alle-amministrative-2017-resoconto-di-daniela-domenici/

 

Il giorno 15 giugno 2017 16:42, Daniela Domenici <danieladomenici57@gmail.com> ha scritto:

https://danielaedintorni.com/2017/06/15/le-sindache-elette-eo-rielette-in-puglia-alle-amministrative-2017-resoconto-di-daniela-domenici/

 

Il giorno 15 giugno 2017 15:35, Daniela Domenici <danieladomenici57@gmail.com> ha scritto:

https://danielaedintorni.com/2017/06/15/le-sindache-elette-eo-rielette-in-basilicata-alle-amministrative-2017-resoconto-di-daniela-domenici/

 

Il giorno 15 giugno 2017 14:18, Daniela Domenici <danieladomenici57@gmail.com> ha scritto:

https://danielaedintorni.com/2017/06/15/le-sindache-elette-eo-rielette-in-calabria-alle-amministrative-2017-resoconto-di-daniela-domenici/

 

Il giorno 15 giugno 2017 14:04, Daniela Domenici <danieladomenici57@gmail.com> ha scritto:

https://danielaedintorni.com/2017/06/15/le-sindache-elette-eo-rielette-in-sardegna-alle-amministrative-2017-resoconto-di-daniela-domenici/

 

Il giorno 15 giugno 2017 12:02, Daniela Domenici <danieladomenici57@gmail.com> ha scritto:

https://danielaedintorni.com/2017/06/15/le-sindache-elette-in-sicilia-alle-amministrative-2017-resoconto-di-daniela-domenici/

 

2017-06-15 11:41 GMT+02:00 Daniela Domenici <danieladomenici57@gmail.com>:

https://danielaedintorni.com/2017/06/15/le-sindache-elette-in-toscana-alle-amministrative-2017-resoconto-di-daniela-domenici/

Daniela Domenici

3356424899

www.danielaedintorni.com

www.italianotizie.it

VEIO PARK : la nuova applicazione scaricabile da smartphone per visitare il Parco di Veio

10 giugno 2017

Si chiama VEIO PARK ed è la nuova applicazione scaricabile da smartphone su piattaforma Android.

Se ne parla oggi durante la Quindicesima Giornata della Primavera all’Inviolatella Borghese.

Un virtuoso intreccio tra  l’uso delle nuove tecnologie e  i tradizionali modi di difendere il territorio dal consumo del suolo illegittimo e in spregio dei valori ambientali, paesistici .  Non a caso tra i 17 obiettivi dell’Agenda ONU 2030 per lo sviluppo sostenibile l’obiettivo 9  riguarda  anche l’innovazione tecnologica.

Veio Park è un’applicazione georeferenziata attraverso la quale chiunque visiti il Parco per fini turistici potrà sapere in tempo reale dove si trova, quali sono i sentieri e gli itinerari più suggestivi da percorrere, quali i punti di interesse storico e archeologico, ma anche quali sono le strutture ricettive più vicine (ristoranti, agriturismi, alberghi, B&B, ecc).  Con la app si potranno segnalare al Parco tutte quelle condizioni critiche che possono verificarsi, come l’impercorribilità di un sentiero, la presenza di rifiuti  ecc. Per scaricare la app  basta andare dallo smartphone su Google Play e cercare “Veio Park” :  https://play.google.com/store/apps/details?id=eu.innovationengineering.veiopark&hl=it

Attenzione, dal momento che diverse zone del Parco non sono coperte da reti mobili, si consiglia vivamente di scaricare le mappe che interessano prima di iniziare l’escursione.

Scarica il Comunicato Stampa

La Giunta di Roma Capitale e le Giunte municipali non piĂą paritarie, se passano le modifiche del M5S

1 giugno 2017

Clamorose sviste (non vogliamo infierire) del M5S nello schema della delibera per le modifiche allo Statuto di Roma Captale,Proposta delibera modifica Statuto Roma Capitale che sono state segnalate senza successo  da Annamaria Bianchi di Carteinregola (di cui Aspettare stanca fa parte) durante l’audizione di alcune associazioni in Commissione Statuto di Roma Capitale e nei successivi scambi di vedute con il consigliere Stumi, vicepresidente della Commissione,  primo firmatario della proposta di delibera e con la consigliera Guerrini , presidente della Commissione delle elette.

Le più gravi riguardano la composizione delle Giunte  di Roma Capitale e  Municipali, con la cancellazione della presenza paritaria di donne e uomininere, introdotta dallo Statuto del 2013,STATUTO_T_VOLUMETTO e la composizione  della nuova Commissione per le pari opportunità che sostituisce la Commissione delle elette (solo donne) , nella  quale ora basterebbe, se le modifiche passassero,  anche la presenza di una sola donna.

Sono norme da cancellare perché  in contrasto con i principi costituzionali, disposizioni europee e internazionali e la  legge n. 56/2014, c.d. Delrio. Favorirebbero accordi su uomini scelti in base a vecchie logiche spartitorie partitocratiche e impedirebbero l’arrivo di donne competenti.

Un inaccettabile ritorno all’indietro rispetto a una conquista che ha una storia collettiva da rispettare. La quota  del 50% fu introdotta nel 2013  nello Statuto di Roma Capitale dall’emendamento firmato da Monica CirinnĂ  (PD) e Gemma Azuni (SEL)  –  “Fra i nominati è garantita la presenza, di norma in pari numero, di entrambi i sessi, motivando le scelte difformemente operate con specifico riferimento al principio di pari opportunità” .

Il M5S cerca giustificazioni sostenendo che nelle giunte comunque deve essere rispettata la percentuale minima del 40%  di rappresentanza di genere prescritto appunto  dalla legge nazionale cosiddetta Delrio, e presentando le proposte di  modifica come un  aggiornamento  dovuto rispetto alla preesistente normativa (215/2012)(2)  che fissava ad 1/3 la proporzione”.  Posizione da respingere,  dato che  lo Statuto vigente, approvato il 7 marzo 2013, sarebbe caso mai da aggiornare  con quanto previsto dalla successiva legge Delrio. Aggiornamento che in ogni  caso non è per niente “dovuto” perché la legge dispone che “nessuno dei due sessi può essere rappresentato in misura inferiore al 40 per cento”, e che quindi nulla vieta ai Comuni di prevedere il criterio paritario, come quello ora vigente per Roma Capitale.

vedi anche http://www.carteinregola.it/index.php/il-problematico-rapporto-tra-m5s-e-societa-civile/#

Verso un Parlamento ancora una volta di nominati e nominate.

1 giugno 2017

Un veloce primo aggiornamento sulle proposte di legge elettorale alla Camera:

Non entriamo ancora nella questione delle nome di garanzia di genere, perché la prima preoccupazione è che sembra proprio che avremo ancora una volta un Parlamento di nominati e nominate.

In aggiunta, anche la scelta del partito ha dei grandi limiti perché nulla lascia sperare che sia evitata una maggioranza di Governo  ancora una volta legata a accordi tra forze disomogenee.

Da Stefano Ceccanti:

https://stefanoceccanti.wordpress.com/2017/05/31/guida-alla-nuova-proposta-di-legge-elettorale/

 

Da Adriana Galgano su FACEBOOK:

Adriana Galgano

36 minuti fa ·

Capilista bloccati, scelti dalle segreterie di partito, che avranno la prioritĂ  dell’assegnazione sul seggio rispetto al poveretto che invece se l’è guadagnato nel collegio uninominale. Quindi l’elettore vota e sceglie Pinco nel collegio uninominale ma elegge Pallino, capolista bloccato. Questo perchĂ© su richiesta del Pd, naturalmente, si e’ deciso di iniziare l’assegnazione del seggio a livello circoscrizionale partendo dai numeri uno dei listini bloccati. Alla faccia della meritocrazia. Inoltre ogni candidato nel collegio uninominale potrĂ  comunque essere candidato come capolista bloccato in tre circoscrizioni. Insomma, elettori costretti ad eleggerlo per forza. Aggiungo che per presentare una lista sono necessarie piu’ di 100.000 firme autenticate, quando in Inghilterra ce ne vogliono 10 e in Francia nessuna. Questa legge consegna il paese in mano a Grillo, Renzi e Salvini con annessione di Berlusconi al renzismo, senza certezza alcuna di governabilitĂ . E’ talmente indigesta che e’ facile sospettare che il Pd l’abbia proposta con l’obiettivo di farsela bocciare al Senato e avere così la scusa per andare alle elezioni con Italicum e Consultellum. Intanto rimangono sempre i 30 miliardi da trovare per la legge di stabilitĂ  2017 per sterilizzare l’aumento del l’IVA che potrĂ  andare al 25%, che sono il vero e ‘nobile’ motivo della corsa alle elezioni di Renzi. Intanto si dibatte su come staccare la spina al povero Gentiloni con le ovvie ricadute che questo ha sulla credibilitĂ  del governo in Italia e all’estero. Abbiamo molto da fare per cambiare questa orrida politica.

 

LIBERIAMO LA STORIA DELLE DONNE

27 aprile 2017

Con preghiera di firmare e divulgare. Grazie.

PETIZIONE Petizione – Liberiamo la storia delle donne (2)

Diretta a Monica Maggioni Presidente RAI e Valeria Fedeli Ministra dell’Istruzione

https://www.change.org/p/monica-maggioni-presidente-rai-e-valeria-fedeli-ministra-dell-istruzione-liberiamo-la-storia-delle-donne

In questo 25 aprile Marisa Cinciari Rodano e Rosanna Oliva de Conciliis, anche a nome delle firmatarie, chiedono:

alla Rai TV di rendere visionabili e disponibili al pubblico, in apposita sezione di Teche Rai e utilizzabili non a fini di lucro, i materiali di repertorio utili a ricostruire la Storia delle donne;

al MIUR di agire perché la Storia delle donne abbia una equa rappresentazione nelle scuole.

Come prima azione chiediamo che sia sbloccato il documentario della Rete delle reti femminili “Le donne nella Resistenza. E perchĂ© alle partigiane fu negato di sfilare dopo la Liberazione”: https://www.youtube.com/watch?v=u_t6mbT2CBM, oscurato perchĂ© contenente anche clip di proprietĂ  Rai.

La storia delle donne, sistematicamente ignorata anche dai programmi di scuola e dai libri scolastici, deve essere liberata e riportata alla luce.

Il servizio pubblico prenda esempio dalla recente pubblicazione online dell’immane archivio segreto del Vaticano: http://asv.vatican.va/content/archiviosegretovaticano/it/consultazione.html. Se il Vaticano ha reso possibile l’accesso libero e gratuito all’immenso patrimonio dei suoi contenuti, lo Stato italiano potrà ben fare qualcosa per restituire alle donne ciò che è rimasto della loro storia, a lungo negata e nascosta.

Marisa Cinciari Rodano

Rosanna Oliva de Conciliis

DonneinQuota

Rete delle Reti

 

Una Pasqua violenta, ma animalista

16 aprile 2017

C’è chi sogna tavole festive vegane, o almeno vegetariane, e chi vive di altri sogni (e incubi).
Con il rispetto dovuto agli animalisti, e la volontà di sfuggire al cosiddetto benaltrismo, non si può ignorare una Pasqua di sangue come questa italiana, che ha visto il 13  aprile tre donne uccise in un giorno.
Dobbiamo sentirci tutte/tutti in colpa perché viviamo in un paese in cui non basta denunciare per sottrarsi a un uomo violento.

Le proteste aumentano. Ecco il comunicato della rete DI.RE.il femminicidio non è ineluttabile il femminicidio non è ineluttabile (3) (2)

Cosa si sa dei provvedimenti necessari per tentare di prevenire i femminicidi?

I fondi sono stati stanziati (art. 1 comma 359 Legge232/2016 bilancio), una cabina di regia e un osservatorio sono stati istituiti presso il Dipartimento PO.
http://www.pariopportunita.gov.it/contro-la-violenza-sessuale-e-di-genere/cabina-di-regia-e-osservatorio/
Aggiornato a novembre scorso.

E dopo? Non ci sono notizie aggiornate.
Potrebbe succedere di nuovo come con la telnovela degli anni scorsi, conclusa con i rilievi della Corte dei conti?

E la commissione d’inchiesta istituita a gennaio in Senato? Finora non si è mai riunita!
E’ convocata il 19 aprile per l’elezione del/della presidente e del/della vicepresidente.
Ecco la composizione
http://www.senato.it/leg/17/BGT/Schede/Commissioni/0-00141.htme

A volte la giustizia tenta di porre qualche rimedio:
Il Tribunale di Tivoli applica una misura antimafia per proteggere una donna dal rischio di subire nuovamente violenza dal marito che sta per essere scarcerato:

http://roma.repubblica.it/cronaca/2017/03/18/news/violenza_contro_le_donne_procura_di_tivoli_adotta_prevenzione_antimafia-160831846/?refresh_ce

Non basta!

Doppio cognome: un Tavolo tecnico per gli effetti immediati e l’attuazione della sentenza della Consulta n. 286/2016

7 marzo 2017

COMUNICATO STAMPA della Rete per la ParitĂ 
Associazione di promozione sociale per la ParitĂ  uomo-donna secondo la Costituzione Italiana comunicato 7 marzo 1

La Rete per la ParitĂ  continua, anche attraverso le associazioni aderenti, nel suo impegno per far conoscere e rispettare gli effetti immediati e quelli rinviati a una futura legge della sentenza della Corte costituzionale 286/2016.
Ieri (6 marzo) l’associazione, con una lettera al Presidente del Consiglio, alla Ministra per i Rapporti con il Parlamento e alla Sottosegretaria con delega alle Pari Opportunità, ha chiesto un tavolo tecnico con la partecipazione, anche attraverso propri delegati, dei Ministri dell’interno, della Giustizia, per gli Affari esteri, del MIUR, per gli Affari regionali con delega in materia di politiche per la famiglia, per i Rapporti con il Parlamento, nonché della Sottosegretaria di recente delegata alle Pari Opportunità e della Garante per l’infanzia e l’adolescenza, che assicuri la corretta e tempestiva applicazione della sentenza in merito al diritto ora riconosciuto ai genitori che di comune accordo chiedono per il nuovo nato il doppio cognome e sulle questioni che la Corte ha rinviato al legislatore predisponga un testo normativo (preferibilmente un decreto legge) senza rinvii a successivi provvedimenti, in considerazione della “indifferibilità” dell’intervento legislativo.
“A oltre due mesi dalla data di pubblicazione della sentenza,- dichiara la presidente della Rete per la Parità Rosanna Oliva de Conciliis (il secondo cognome è quello della madre, da lei aggiunto sui social dall’otto novembre, data della decisione della Corte)- continuano a comparire informazioni inesatte e soltanto pochi Comuni hanno aggiornato le procedure delle dichiarazioni di nascita per far conoscere e rendere effettivo il diritto ora riconosciuto ai genitori che di comune accordo intendono attribuire al nuovo nato entrambi i loro cognomi. Nulla risulta sul doppio cognome nel caso di genitori adottivi. Inoltre sugli aspetti che richiedono un intervento normativo è evidentemente superato il testo approvato alla Camera nel 2014, all’esame della Commissione Giustizia del Senato, che perpetua discriminazioni e stereotipi che formalmente dichiara di voler abbattere, non tutela prioritariamente il diritto del figlio all’identità, non scioglie le questioni tecniche e rinvia l’effettiva applicazione ad un successivo regolamento, da emanare entro un anno.”
“ Non è questo il modo-conclude Rosanna Oliva de Conciliis, di assicurare ai genitori i diritti direttamente riconosciuti dalla sentenza e di dare seguito al monito della Corte, che dichiara indifferibile l’intervento del legislatore. L’Associazione ritiene che la parità tra i genitori e il rispetto all’identità attraverso il nome, costituzionalmente tutelati, debbano trovare immediata, puntuale e completa applicazione, non solo per rimuovere gli ostacoli che, di fatto, impediscono l’uguaglianza donna-uomo, compito attribuito alla Repubblica dal secondo comma dell’articolo 3 della Costituzione, ma anche perché questi ostacoli costituiscono l’humus culturale per dolorosi fenomeni come quello della violenza contro le donne, che vanno estirpati anche mediante azioni della scuola.”
Roma, 7 marzo 2017

Il commento di Fiorenza Taricone alla lettera dell’Accordo sui manifesti abusivi contro la Ministra Valeria Fedeli

6 febbraio 2017

Il commento di Fiorenza Taricone alla lettera dell’Accordo sui manifesti abusivi contro la Ministra Valeria  Fedeli. leggi qui:

http://www.unoetre.it/notizie/l-iniziativa-delle-donne/donne-storie-e-futuro/item/4116-le-rughe-delle-donne-in-politica-e-il-maschilismo-che-non-muore.html

PDF il-commento-di-fiorenza-taricone-alla-lettera

La lettera:

Alla Sindaca di Roma Capitale VIRGINIA RAGGI (virginia.raggi@comune.roma.it)

e   p. c.

All’ Assessora Roma Semplice FLAVIA MARZANO (assessoratoromasemplice@comune.roma.it)

Alla Dirigente UnitĂ  organizzativa Affissioni e PubblicitĂ  MONICA GIAMPAOLI (protocollo.attivitaproduttive@pec.comune.roma.it)

Alla Responsabile Ufficio Affissioni CINZIA PETRINI(affissione.manifesti@comune.roma.it)

Alla Responsabile Ufficio Controlli sul Territorio e Sanzioni ROSALBA PILASTRU (rosalba.pirastru@comune.roma.it)

 

OGGETTO: MANIFESTI ABUSIVI RAFFIGURANTI LA MINISTRA VALERIA FEDELI

 

Dal 10 gennaio 2017 manifesti anonimi e abusivi con l’immagine della Ministra dell’Istruzione,

dell’Università e della Ricerca Valeria Fedeli sono affissi sui muri delle strade della Capitale.

 

In quanto anonimi e abusivi, compito di Roma Capitale è rimuoverli o ricoprirli tempestivamente, individuare e multare i colpevoli di affissione abusiva. Anche la tipografia responsabile della stampa clandestina è suscettibile di sanzione.

 

Come scritto sul Corriere della Sera e ripreso dal sito dell’Assessora Marzano “… Sono anonimi  infatti i manifesti apparsi martedì mattina su molte strade del centro di Roma con la fotografia della ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli, e una didascalia poco lusinghiera...».

 

Ma, nonostante le immediate dichiarazioni dell’Assessora Marzano “…di provvedere urgentemente alla copertura dei manifesti abusivi…” a distanza di ben tre settimane, varie zone di Roma sono ancora tappezzate dagli stessi manifesti.

 

I manifesti in questione sono offensivi nei confronti di una ministra in carica, una donna che ha rivestito in precedenza con grande capacitĂ  e senso di responsabilitĂ  il ruolo prestigioso di Vicepresidente del Senato, dopo essere stata  per molti anni e con risultati apprezzati  Dirigente sindacale nazionale,  Presidente del Sindacato Europeo delle Tessili e Vice presidente del sindacato europeo dell’Industria.

 

Il coraggio di accettare per spirito di servizio un ministero difficile, al centro di una lunga e necessaria riforma, non è mancato alla Senatrice Valeria Fedeli, e forse proprio questo, come scrive il “Corriere della sera ”… le ha attirato addosso critiche, polemiche, e financo manifesti pubblici.”

 

Noi Le chiediamo come Sindaca di Roma Capitale che i tutti questi manifesti offensivi, anonimi e abusivi siano rimossi dalle strade di Roma a cura degli uffici competenti.

 

Confidiamo in un suo sollecito e decisivo intervento e rimaniamo in attesa di una cortese risposta.

 

Roma, 1 febbraio 2017 (more…)

Via dalle strade di Roma i manifesti anonimi e abusivi con l’immagine della Ministra del MIUR

1 febbraio 2017

Alla Sindaca di Roma Capitale

VIRGINIA RAGGI

(virginia.raggi@comune.roma.it)

 

e   p. c.       All’ Assessora Roma Semplice

FLAVIA MARZANO

(assessoratoromasemplice@comune.roma.it)

Alla Dirigente UnitĂ  organizzativa Affissioni e PubblicitĂ 

MONICA GIAMPAOLI

(protocollo.attivitaproduttive@pec.comune.roma.it)

Alla Responsabile Ufficio Affissioni

CINZIA PETRINI

(affissione.manifesti@comune.roma.it)

Alla Responsabile Ufficio Controlli sul Territorio e Sanzioni

ROSALBA PIRASTRU

(rosalba.pirastru@comune.roma.it)

 

 

OGGETTO: MANIFESTI ABUSIVI RAFFIGURANTI LA MINISTRA VALERIA FEDELI

 

Dal 10 gennaio 2017 lettera-a-sindaca-raggi-1feb2017,

dell’Università e della Ricerca Valeria Fedeli sono affissi sui muri delle strade della Capitale.

In quanto anonimi e abusivi, compito di Roma Capitale è rimuoverli o ricoprirli tempestivamente, individuare e multare i colpevoli di affissione abusiva. Anche la tipografia responsabile della stampa clandestina è suscettibile di sanzione.

Come scritto sul Corriere della Sera e ripreso dal sito dell’Assessora Marzano “… Sono anonimi  infatti i manifesti apparsi martedì mattina su molte strade del centro di Roma con la fotografia della ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli, e una didascalia poco lusinghiera...».

Ma, nonostante le immediate dichiarazioni dell’Assessora Marzano “…di provvedere urgentemente alla copertura dei manifesti abusivi…” a distanza di ben tre settimane, varie zone di Roma sono ancora tappezzate dagli stessi manifesti.

I manifesti in questione sono offensivi nei confronti di una ministra in carica, una donna che ha rivestito in precedenza con grande capacitĂ  e senso di responsabilitĂ  il ruolo prestigioso di Vicepresidente del Senato, dopo essere stata  per molti anni e con risultati apprezzati  Dirigente sindacale nazionale,  Presidente del Sindacato Europeo delle Tessili e Vice presidente del sindacato europeo dell’Industria.

Il coraggio di accettare per spirito di servizio un ministero difficile, al centro di una lunga e necessaria riforma, non è mancato alla Senatrice Valeria Fedeli, e forse proprio questo, come scrive il “Corriere della sera ”… le ha attirato addosso critiche, polemiche, e financo manifesti pubblici.”

Noi Le chiediamo come Sindaca di Roma Capitale che i tutti questi manifesti offensivi, anonimi e abusivi siano rimossi dalle strade di Roma a cura degli uffici competenti.

Confidiamo in un suo sollecito e decisivo intervento e rimaniamo in attesa di una cortese risposta.

 

Roma, 1 febbraio 2017

 

 

Per l’Accordo

Daniela CarlĂ  e Marisa Rodano

 

 

 

Sostegno all’Assessore Berdini

10 dicembre 2016

Comitati, Associazioni, Reti, Movimenti, Forum e cittadini qui sottoscritti sono convinti che se lo stadio di James Pallotta si deve costruire, questo debba essere fatto nel rispetto della legalitĂ , senza accessori in contrasto col Piano Regolatore di Roma, in un’area libera da vincoli, sicura dal punto di vista idrogeologico e, soprattutto, con modalitĂ  rispondenti al pubblico interesse.

Crediamo fermamente che la mano pubblica debba riappropriarsi della Città, marcando con forza la discontinuità con le giunte precedenti attraverso una moratoria sul consumo di suolo, come ormai sostenuto da un’amplissima componente della popolazione, da movimenti ambientalisti, dal mondo scientifico e della cultura.

Ricordiamo che l’assessore Berdini ha promosso, sostenuto e redatto rigorose leggi contro il consumo di suolo insieme ai movimenti e come, in questi decenni, abbia sempre lavorato per un’urbanistica al servizio degli abitanti delle cittĂ , non solo di Roma, “(…) conducendo battaglie contro la cementificazione e a favore della rigenerazione urbana, con un occhio particolarmente attento ai destini delle periferie cittadine e caldeggiando piccoli ma significativi interventi in serie piuttosto che opere inutilmente sfarzose.” *

Per quanto riguarda i Media, auspichiamo un deciso cambio di rotta circa il modo di servire al pubblico notizie che si basano piĂą sull’emozione dei lettori che sulla veridicitĂ  dei fatti creando vere e proprie post-veritĂ  (termine coniato dalla Oxford University che ben si addice a quanto propinato da decine di testate).

All’assessore Berdini va quindi il nostro massimo sostegno, consapevoli di come stia lavorando senza sosta per la Giunta e per i cittadini, per dare a Roma quello che in trent’anni non si è riuscito a realizzare e per ripristinare quanto è stato compromesso.

Una cittĂ  piĂą a misura di persona, dalla periferia al centro.

Roma, 9 Dicembre 2016

 

Salviamo il Paesaggio Roma e Lazio

No Corridoio Roma Latina

Coordinamento Agro Romano Bene Comune

Salviamo Tor di Valle dal Cemento

Dolce Spiaggia

Comitato FuoriPista

Italia Nostra Litorale Romano

Respiro Verde Legalberi

Emergenza Cultura

Stop I-60

Gruppo Territorio e Ambiente (GTA) IX° Municipio

Salute Ambiente Eur

Ciampino Bene Comune

Comitato Piccolomini

Italia Nostra Castelli Romani

Difendiamo Tor di Valle

C.A.L.M.A. Coord. Ass.ni del Lazio per una Mobilità Alternativa

Giacomo Lepri, Presidente Cooperativa Agricola Coraggio

Brigate Verdi

Comitato Roma12 per i Beni Comuni

Aspettare Stanca

Comitato Villa Blanc

Viviamo Vitinia

S.I.E.P. SocietĂ  Italiana di Ecologia del Paesaggio

 

Paolo Maddalena

Vittorio Emiliani

Vezio De Lucia

Tomaso Montanari

Rosanna Oliva

Fulco Pratesi

 

*Cit. Ing. Sandro Simoncini, docente a contratto di Urbanistica e Legislazione Ambientale presso l’università Sapienza di Roma e presidente di Sogeea S.p.A.