Archive for the ‘Iniziative con altre Associazioni’ Category

RAGGI X – un anno di amministrazione Raggi – il dossier di Carteinregola

3 luglio 2017

Il dossier di Carteinregola dove compare uno scritto di Aspettare stanca sulle proposte di modifica allo Statuto di Roma Capitale che in nome della partecipazione abolirebbero la democrazia paritaria

RAGGI X SARA’ PRESENTATO IL 6 LUGLIO ALLE ORE 17.00 PRESSO LA SEDE ROMANA DELL’ESERCITO DELLA SALVEZZA in via Degli Apuli 42 (San Lorenzo)

In questi giorni molte testate giornalistiche fanno il  bilancio di un  anno di governo M5S della Capitale, mentre la stessa Sindaca, insieme  ai suoi assessori, ha proposto  la sua  visione dei successi e delle difficoltà dei suoi primi 12 mesi in una conferenza stampa in Campidoglio il 21 giugno.
Carteinregola invece ha preparato  un Dossier, in cui l’operato della Giunta – per i temi di sua competenza – verrà radiografato minuziosamente…


A un anno dall’insediamento  al governo della città dell’attuale maggioranza – il 7 luglio 2016 si è tenuta la prima Assemblea Capitolina dopo le elezioni, l’Associazione Carteinregola presenterà un dossier che riprende  le problematiche cittadine di cui da anni si occupa e che sono state oggetto di domande e  di proposte ai candidati Sindaco –  trasparenza dell’amministrazione, processi partecipativi,  Piano Urbano Parcheggi, Regolamento del Verde,  mercati rionali,  patrimonio comune e molti altri –  per verificare a che punto si è arrivati. O  ci si è fermati.  O si è tornati indietro.
Un bilancio, quello di Carteinregola,  che  metterà a confronto il programma elettorale e le  linee programmatiche della Sindaca – ma anche  il Piano esecutivo di gestione (P.E.G.) approvato dalla Giunta il 7 aprile 2017 –  con quanto messo in atto o avviato dall’Amministrazione.
Ma il dossier non riporterà solo il nostro punto di vista: chiederemo agli assessori, come già in passato ai membri della Giunta Marino,  di rispondere a 5 domande , e faremo un bilancio anche delle iniziative delle opposizioni.

Ripartiremo da  “Quello che volevamo/vogliamo”(1) e che avevamo proposto  in campagna elettorale e dalle “patate bollenti” (2) che avevamo segnalato e che sono  ancora per la maggior parte attualissime.

Troppe iniziative non sono ancora state prese, molte sono state congelate o archiviate, altre inaspettatamente deviate su obiettivi assai lontani da quelli perseguiti dal MoVimento all’opposizione o proclamati dal MoVimento in campagna elettorale.
“Raggi X” non è  quindi l’ennesima denuncia delle buche e dei rifiuti:  metteremo  sul tavolo  dati, contraddizioni  e riscontri per spronare  l’amministrazione sulla strada delle regole, dell’interesse pubblico e  della presa di responsabilità e di iniziativa.
Come Carteinregola cerca di fare da 5 anni e tre (quattro) amministrazioni.

Senza fare sconti. Senza faziosità.

Per la dignità di Roma e dei suoi cittadini.

Il Dossier è dedicato alla memoria di Brunello Berardi

Vedi anche: Roma Today 19 giugno 2017 Un anno di Raggi  (con un intervento di Anna Maria Bianchi)

Vai alle delibere della Giunta Raggi

 Vai alle delibere dell’Assemblea Capitolina dal 2016
Vai a Roma Capitale News (notizie dell’attività in Campidoglio dal giugno 2016)

 

http://www.carteinregola.it/index.php/raggi-x-un-anno-di-amministrazione-raggi-il-dossier-di-carteinregola/

Le Sindache elette e/o rielette tra l’11 e il 25 giugno 2017 da Daniela Domenici

28 giugno 2017

27 giugno 2017

Le Sindache italiane elette e/o rielette nelle due tornate delle amministrative di giugno 2017 sono 114: 102 al primo turno e 12 al ballottaggio, su un totale di 992, rappresentano quindi l’11,5%.

La città italiana col maggior numero di abitanti governata da una Sindaca eletta e/o rieletta in questo mese è Piacenza con 102.191, la più piccola è Argentera (CN) con 93.

Le città che hanno eletto e/o rieletto una Sindaca domenica scorsa al ballottaggio sono 12, eccole:
Piacenza
Lodi (MB)
Lissone (MB)
Sciacca (AG)
Riccione (RN)
Arzano (NA)
Crema (CR)
Mirano (VE)
Magenta (MI)
Senago (MI)
Sabaudia (LT)
Erba (CO)

Le regioni italiane con il maggior numero di Sindache elette e/o rielette in queste due tornate elettorali sono:
Lombardia 24
Veneto 16
Piemonte 13
Sicilia e Sardegna 9

Le 114 Sindache italiane elette e/o rielette sono così suddivise politicamente:
9 sono del Centro Destra (Piacenza, Lodi, Riccione, Magenta, Senago, Erba, Lentate sul Seveso, Cuggiano, Brembate di Sopra)
7 del Centro Sinistra (Lissone, Sciacca, Crema, Erice, Mirano, Magnago, Casarsa della Delizia)
1 della Sinistra (Arzano)
Tutte le altre 97 sono state sostenute da liste civiche.

Quest’ultimo ci sembra un dato alquanto interessante; leggiamo cosa dice Wikipedia sulla lista civica:“è il nome dato comunemente a una lista di candidati alla carica di sindaco e di consigliere comunale che si presenta alla prova elettorale senza essere espressione diretta di un partito politico nazionale. Dalle liste civiche sono spesso nati movimenti politici locali, talvolta riuniti in occasionali o stabili federazioni nazionali…una lista civica è di fatto un nuovo partito politico che, a differenza di quelli tradizionali, assume più una caratteristica di movimento d’opinione temporaneo e a dimensione locale”. Quindi questa maggioranza di Sindache elette e/o rielette col sostegno di liste civiche evidenziano, in modo plateale, disaffezione, disorientamento e sfiducia nei partiti politici tradizionali e non da parte dell’elettorato. È un chiaro messaggio che i leaders dovrebbero ascoltare con attenzione.

http://www.dols.it/2017/06/27/piu-sindache-dalle-liste-civiche/

In “Daniela e dintorni – Daniela and surroundings”

 

Le sindache elette al primo turno. Se ne riparla dopo i ballottaggi.

18 giugno 2017

Riceviamo da Daniela Domenici:

finito 🙂

se ne riparla dopo i ballottaggi…

 

https://danielaedintorni.com/2017/06/18/le-sindache-elette-eo-rielette-in-lombardia-alle-amministrative-2017-resoconto-di-daniela-domenici/

 

Il giorno 18 giugno 2017 06:12, Daniela Domenici <danieladomenici57@gmail.com> ha scritto:

https://danielaedintorni.com/2017/06/18/le-sindache-elette-eo-rielette-in-piemonte-alle-amministrative-2017-resoconto-di-daniela-domenici/

 

Il giorno 17 giugno 2017 09:59, Daniela Domenici <danieladomenici57@gmail.com> ha scritto:

https://danielaedintorni.com/2017/06/17/le-sindache-elette-eo-rielette-in-veneto-alle-amministrative-2017-resoconto-di-daniela-domenici/

 

Il giorno 17 giugno 2017 08:41, Daniela Domenici <danieladomenici57@gmail.com> ha scritto:

https://danielaedintorni.com/2017/06/17/le-sindache-elette-eo-rielette-in-friuli-venezia-giulia-alle-amministrative-2017-resoconto-di-daniela-domenici/

 

Il giorno 17 giugno 2017 06:27, Daniela Domenici <danieladomenici57@gmail.com> ha scritto:

https://danielaedintorni.com/2017/06/17/le-sindache-elette-eo-rielette-in-liguria-alle-amministrative-2017-resoconto-di-daniela-domenici/

 

Il giorno 17 giugno 2017 06:16, Daniela Domenici <danieladomenici57@gmail.com> ha scritto:

https://danielaedintorni.com/2017/06/17/le-sindache-elette-eo-rielette-in-emilia-romagna-alle-amministrative-2017-resoconto-di-daniela-domenici/

 

Il giorno 16 giugno 2017 17:55, Daniela Domenici <danieladomenici57@gmail.com> ha scritto:

https://danielaedintorni.com/2017/06/16/le-sindache-elette-eo-rielette-nel-lazio-alle-amministrative-2017-resoconto-di-daniela-domenici/

 

https://danielaedintorni.com/2017/06/16/le-sindache-elette-eo-rielette-in-umbria-alle-amministrative-2017-resoconto-di-daniela-domenici/

 

Il giorno 16 giugno 2017 06:33, Daniela Domenici <danieladomenici57@gmail.com> ha scritto:

https://danielaedintorni.com/2017/06/16/le-sindache-elette-eo-rielette-in-campania-alle-amministrative-2017-resoconto-di-daniela-domenici/

 

Il giorno 16 giugno 2017 05:31, Daniela Domenici <danieladomenici57@gmail.com> ha scritto:

https://danielaedintorni.com/2017/06/16/le-sindache-elette-eo-rielette-in-abruzzo-alle-amministrative-2017-resoconto-di-daniela-domenici/

 

Il giorno 16 giugno 2017 05:20, Daniela Domenici <danieladomenici57@gmail.com> ha scritto:

https://danielaedintorni.com/2017/06/16/le-sindache-elette-eo-rielette-in-molise-alle-amministrative-2017-resoconto-di-daniela-domenici/

 

Il giorno 15 giugno 2017 16:42, Daniela Domenici <danieladomenici57@gmail.com> ha scritto:

https://danielaedintorni.com/2017/06/15/le-sindache-elette-eo-rielette-in-puglia-alle-amministrative-2017-resoconto-di-daniela-domenici/

 

Il giorno 15 giugno 2017 15:35, Daniela Domenici <danieladomenici57@gmail.com> ha scritto:

https://danielaedintorni.com/2017/06/15/le-sindache-elette-eo-rielette-in-basilicata-alle-amministrative-2017-resoconto-di-daniela-domenici/

 

Il giorno 15 giugno 2017 14:18, Daniela Domenici <danieladomenici57@gmail.com> ha scritto:

https://danielaedintorni.com/2017/06/15/le-sindache-elette-eo-rielette-in-calabria-alle-amministrative-2017-resoconto-di-daniela-domenici/

 

Il giorno 15 giugno 2017 14:04, Daniela Domenici <danieladomenici57@gmail.com> ha scritto:

https://danielaedintorni.com/2017/06/15/le-sindache-elette-eo-rielette-in-sardegna-alle-amministrative-2017-resoconto-di-daniela-domenici/

 

Il giorno 15 giugno 2017 12:02, Daniela Domenici <danieladomenici57@gmail.com> ha scritto:

https://danielaedintorni.com/2017/06/15/le-sindache-elette-in-sicilia-alle-amministrative-2017-resoconto-di-daniela-domenici/

 

2017-06-15 11:41 GMT+02:00 Daniela Domenici <danieladomenici57@gmail.com>:

https://danielaedintorni.com/2017/06/15/le-sindache-elette-in-toscana-alle-amministrative-2017-resoconto-di-daniela-domenici/

Daniela Domenici

3356424899

www.danielaedintorni.com

www.italianotizie.it

Comunicato post sulla XV Giornata della Primavera all’Inviolatella Borghese nel Parco di Veio

11 giugno 2017

 

Comunicato post sulla XV Giornata della Primavera all’Inviolatella Borghese nel Parco di Veio

Per il quindicesimo anno consecutivo, nel pomeriggio di sabato 10 giugno 2017, si è svolta la Giornata di Primavera nell’Inviolatella Borghese, organizzata da Italia Nostra Roma e da Aspettare stanca, con l’adesione di numerose Associazioni. Un’iniziativa che ogni anno intende richiamare l’attenzione delle istituzioni e degli abitanti sull’antica Tenuta agricola dell’Inviolatella Borghese: un tratto di campagna romana di oltre 300 ettari, per due terzi di proprietà pubblica, rimasto quasi intatto tra i nostri quartieri, grazie al costante impegno di comitati, associazioni e singole persone.

Un’oasi di verde all’interno della città consolidata, una ricchezza per i valori paesistici e naturalistici, ma anche una vittoria definitiva contro la cementificazione, una difesa dell’aria che respiriamo e per evitare che il traffico sia ancora più caotico. Dall’Inviolatella, Porta d’ingresso dalla città al Parco regionale di Veio, inizia il sentiero progettato dall’Ente Regionale Parco di Veio ” Progetto di Sentieristica tra Il Parco Urbano Inviolatella Borghese e Isola Farnese”, che a partire dalla parte altamente urbanizzata della città’ ( Corso di Francia) ripropone, idealmente, l’antica Via Veientana. Dal sentiero possono essere raggiunti con alcuni diverticoli,  ancora da definire nel progetto, tratti dell’antico tracciato della via Veientana visibili e percorribili, mentre   con altri diverticoli, già’ definiti nel progetto,  si realizza la connessione con il  tracciato ufficiale della Via Francigena cosi come definito da AEVF.

Inoltre l’Inviolatella è inserita nel progetto della rete ciclopedonale dei parchi.

La ormai tradizionale passeggiata, guidata questa volta da Mario Attorre di Italia Nostra Roma, si è svolta lungo il sentiero nella piccola valle parallela alla Cassia Nuova (sotto la casa cantoniera) per arrivare a poca distanza dal confine con i terreni del C.R.E.A.(nuova denominazione del CRA), con ritorno poi lungo via dell’Inviolatella Borghese alla radura dove si è svolta la manifestazione.

Dopo un intervallo cultural- mangereccio alcune delle persone presenti, di nuovo con Mario Attorre hanno preso visione del Parco Naturale a pochi pasiìsi dal prato dove si è svolta la manifestazione, Uno spazio verde attrezzato con sentieri e panchine, realizzato dal Comune di Roma su una parte dei tredici ettari confiscati alla banda della Magliana. Nonostante gli impegni presi nel 2014 dal Comune in occasione dell’inaugurazione, ora, a causa dell’assoluta mancanza di manutenzione, il parco è utilizzabile esclusivamente da adulti con i loro amici a quattro zampe. I piccoli cartelli sulla fauna e la flora del luogo e la  bibliotechina per lo scambio gratuito di libri, realizzati da Robin Hood, che fino a qualche tempo fa ha curato il parco, sono quasi invisibili per l’erba alta che ha trasformato il luogo  in un bosco da Bella Addormentata.

Il problema è che anche il parco davanti al Marymount, con giochi per bambini  e regolarmente sottoposto a manutenzione, è ora frequentato principalmente da padroni di cani non rispettosi delle regole, che invece di utilizzare l’adiacente area cani, li lasciano liberi, imbrattando il terreno con le deiezioni e mettendo a  rischio di danni le persone. Si tratta della parte comunale dell’Inviolatella con accesso da via di Villa Lauchli, su cui è in vigore la convenzione con l’Istituto Marymount, che, tra l’altro, dovrebbe mettere a disposizione delle scuole pubbliche il grande campo sportivo.

A grandi e piccoli è stata donata la spilletta dei 17 obiettivi dell’Agenda Onu 2030 per lo sviluppo sostenibile e sono state fornite indicazioni su VEIO PARK,  la nuova applicazione scaricabile da smartphone su piattaforma Android. Un’applicazione georeferenziata attraverso la quale chiunque visita il Parco ottiene preziose informazioni. Un virtuoso intreccio tra  l’uso delle nuove tecnologie e  i tradizionali modi di cpnoscere e difendere il territorio dal consumo del suolo illegittimo e in spregio dei valori ambientali, paesistici.  Non a caso tra i 17 obiettivi dell’Agenda ONU 2030 per lo sviluppo sostenibile, ricordati da Rosanna Oliva de Conciliis,  l’obiettivo 9  riguarda  anche l’innovazione tecnologica. I bambini hanno scorazzato felici nel grande prato e i partecipanti alla gara di disegno sono stati doppiamente premiati.

Ancora una volta sono state ricordate le conquiste dei Comitati e delle Associazioni locali che hanno contribuito all’acquisizione definitiva con destinazione all’uso pubblico dei 50 ettari dell’ex Tenuta agricola e sono ancora impegnate per la loro corretta utilizzazione. Qualche momento di commozione ha accompagnato il ricordo di Grazia Salvatore e di Julienne D’Ambrosio, storiche presenze a tutte le precedenti iniziative, recentemente scomparse.

Ruggero Lenci Università La Sapienza di Roma, ha espresso le preoccupazioni per i  cambi d’uso avvenuti di recente (una rivendita d’auto trasformata in ristorante, casali agricoli in abitazioni) e per un passo carrabile aperto sulla Cassia Nuova.

Rosanna Oliva de Conciliis, di Aspettare stanca  ha evidenziato l’inaccettabile persistere e  moltiplicarsi degli abusi, nonostante i vincoli esistenti e le numerose segnalazioni a Ente Parco di Veio, Municipio e altri. Preoccupa, inoltre, il futuro dei terreni agricoli dell’ex Istituto Sperimentale di cerealicoltura di proprietà del C.R.E.A..

Nessuna novità per gli accessi pedonali, nonostante una Scheda- Progetto presentata alla Conferenza Urbanistica Municipale e  inserita nelle Carte dei Valori Municipali presentate a dicembre 2014 nella Casa della Città. In particolare per l’accesso all’Inviolatella da via Oriolo Romano, da anni è stato chiesto alle istituzioni municipali e comunali e al CREA proprietario di raggiunngere le aree pubbliche dell’Inviolatella con un piccolo sentiero da parte degli abitanti di Via Oriolo Romano, Santa Giovanna Elisabetta e zone confinanti.  

Mario  Attorre, di Italia Nostra Roma, ha segnalato come priorità l’uso  pubblico dei tredici ettari confiscati alla Banda della Magliana (ora comunali), a partire dalla destinazione all’Ente Parco della casetta all’inizio di via dell’Inviolatella Borghese.

I presenti hanno deciso di approfondire in un’apposita riunione queste ed altre  questioni, tutte all’interno del progetto complessivo  del Grande Parco dellEx Tenuta Agricola dell’Inviolatella Borghese.

 

VEIO PARK : la nuova applicazione scaricabile da smartphone per visitare il Parco di Veio

10 giugno 2017

Si chiama VEIO PARK ed è la nuova applicazione scaricabile da smartphone su piattaforma Android.

Se ne parla oggi durante la Quindicesima Giornata della Primavera all’Inviolatella Borghese.

Un virtuoso intreccio tra  l’uso delle nuove tecnologie e  i tradizionali modi di difendere il territorio dal consumo del suolo illegittimo e in spregio dei valori ambientali, paesistici .  Non a caso tra i 17 obiettivi dell’Agenda ONU 2030 per lo sviluppo sostenibile l’obiettivo 9  riguarda  anche l’innovazione tecnologica.

Veio Park è un’applicazione georeferenziata attraverso la quale chiunque visiti il Parco per fini turistici potrà sapere in tempo reale dove si trova, quali sono i sentieri e gli itinerari più suggestivi da percorrere, quali i punti di interesse storico e archeologico, ma anche quali sono le strutture ricettive più vicine (ristoranti, agriturismi, alberghi, B&B, ecc).  Con la app si potranno segnalare al Parco tutte quelle condizioni critiche che possono verificarsi, come l’impercorribilità di un sentiero, la presenza di rifiuti  ecc. Per scaricare la app  basta andare dallo smartphone su Google Play e cercare “Veio Park” :  https://play.google.com/store/apps/details?id=eu.innovationengineering.veiopark&hl=it

Attenzione, dal momento che diverse zone del Parco non sono coperte da reti mobili, si consiglia vivamente di scaricare le mappe che interessano prima di iniziare l’escursione.

Scarica il Comunicato Stampa

Domenica 11 giugno si vota in 1005 comuni

4 giugno 2017

Domenica 11 giugno si vota in 1005 comuni , tra i quali 25 capoluoghi, per l’elezione diretta dei sindaci e dei consigli comunali, e dei consigli circoscrizionali nelle regioni a statuto ordinario. L’eventuale turno di ballottaggio per l’elezione diretta dei sindaci si svolgerà domenica 25 giugno.

Per quanto riguarda le regioni a statuto speciale, il giorno delle elezioni amministrative è stabilito dall’autorità regionale competente. In Friuli-Venezia Giulia, Sicilia e Sardegna, la data coincide con quella fissata per le regioni a statuto ordinario, l’11 giugno. Valle d’Aosta e Trentino-Alto Adige, invece, hanno votato il 7 maggio 2017.

I cittadini chiamati al voto sono 9.208.639, su una popolazione di 10.616.621.

Tutte le informazioni su adempimenti elettorali e modalità di voto, candidati sindaci e liste, corpo elettorale e tessera elettorale, normativa di riferimento e circolari sono disponibili su Eligendo, il portale delle elezioni  liste_e_candidati_amministrative_2017  elenco_enti_amministrative_2017(1)

http://www.interno.gov.it/it/comuni-voto-l11-giugno-2017-ballottaggi-25

Ecco i dati di genere elaborati da Daniela Domenici, alla quale va la nostra gratitudine per il prezioso e gravoso lavoro di elaborazione dei dati:

https://danielaedintorni.com/2017/06/04/aspettando-le-elezioni-dell11-giugnolombardia-resoconto-di-daniela-domenici/

https://danielaedintorni.com/2017/06/04/aspettando-le-elezioni-dell11-giugnopiemonte-resoconto-di-daniela-domenici/

https://danielaedintorni.com/2017/06/04/aspettando-le-elezioni-dell11-giugnopiemonte-resoconto-di-daniela-domenici/

https://danielaedintorni.com/2017/06/04/aspettando-le-elezioni-dell11-giugnoveneto-resoconto-di-daniela-domenici/

https://danielaedintorni.com/2017/06/04/aspettando-le-elezioni-dell11-giugnofriuli-venezia-giulia-resoconto-di-daniela-domenici/

https://danielaedintorni.com/2017/06/04/aspettando-le-elezioni-dell11-giugnoliguria-resoconto-di-daniela-domenici/

https://danielaedintorni.com/2017/06/04/aspettando-le-elezioni-dell11-giugnoemilia-romagna-resoconto-di-daniela-domenici/

https://danielaedintorni.com/2017/06/04/aspettando-le-elezioni-dell11-giugnomarche-resoconto-di-daniela-domenici/

https://danielaedintorni.com/2017/06/03/aspettando-le-elezioni-dell11-giugnoumbria-resoconto-di-daniela-domenici/

https://danielaedintorni.com/2017/06/03/aspettando-le-elezioni-dell11-giugnolazio-resoconto-di-daniela-domenici/

https://danielaedintorni.com/2017/06/03/aspettando-le-elezioni-dell11-giugnocampania-resoconto-di-daniela-domenici/

https://danielaedintorni.com/2017/06/03/aspettando-le-elezioni-dell11-giugnoabruzzo-resoconto-di-daniela-domenici/

https://danielaedintorni.com/2017/06/03/aspettando-le-elezioni-dell11-giugnomolise-resoconto-di-daniela-domenici/

https://danielaedintorni.com/2017/06/03/aspettando-le-elezioni-dell11-giugnopuglia-resoconto-di-daniela-domenici/

https://danielaedintorni.com/2017/06/02/aspettando-le-elezioni-dell11-giugnobasilicata-resoconto-di-daniela-domenici/

https://danielaedintorni.com/2017/06/02/aspettando-le-elezioni-dell11-giugnocalabria-resoconto-di-daniela-domenici/

https://danielaedintorni.com/2017/06/02/aspettando-le-elezioni-dell11-giugnosardegna-resoconto-di-daniela-domenici/

https://danielaedintorni.com/2017/06/02/aspettando-le-elezioni-dell11-giugnotoscana-resoconto-di-daniela-domenici/

https://danielaedintorni.com/2017/06/02/aspettando-le-elezioni-dell11-giugnosicilia-resoconto-di-daniela-domenici/

 

Daniela

 

La Giunta di Roma Capitale e le Giunte municipali non più paritarie, se passano le modifiche del M5S

1 giugno 2017

Clamorose sviste (non vogliamo infierire) del M5S nello schema della delibera per le modifiche allo Statuto di Roma Captale,Proposta delibera modifica Statuto Roma Capitale che sono state segnalate senza successo  da Annamaria Bianchi di Carteinregola (di cui Aspettare stanca fa parte) durante l’audizione di alcune associazioni in Commissione Statuto di Roma Capitale e nei successivi scambi di vedute con il consigliere Stumi, vicepresidente della Commissione,  primo firmatario della proposta di delibera e con la consigliera Guerrini , presidente della Commissione delle elette.

Le più gravi riguardano la composizione delle Giunte  di Roma Capitale e  Municipali, con la cancellazione della presenza paritaria di donne e uomininere, introdotta dallo Statuto del 2013,STATUTO_T_VOLUMETTO e la composizione  della nuova Commissione per le pari opportunità che sostituisce la Commissione delle elette (solo donne) , nella  quale ora basterebbe, se le modifiche passassero,  anche la presenza di una sola donna.

Sono norme da cancellare perché  in contrasto con i principi costituzionali, disposizioni europee e internazionali e la  legge n. 56/2014, c.d. Delrio. Favorirebbero accordi su uomini scelti in base a vecchie logiche spartitorie partitocratiche e impedirebbero l’arrivo di donne competenti.

Un inaccettabile ritorno all’indietro rispetto a una conquista che ha una storia collettiva da rispettare. La quota  del 50% fu introdotta nel 2013  nello Statuto di Roma Capitale dall’emendamento firmato da Monica Cirinnà (PD) e Gemma Azuni (SEL)  –  “Fra i nominati è garantita la presenza, di norma in pari numero, di entrambi i sessi, motivando le scelte difformemente operate con specifico riferimento al principio di pari opportunità” .

Il M5S cerca giustificazioni sostenendo che nelle giunte comunque deve essere rispettata la percentuale minima del 40%  di rappresentanza di genere prescritto appunto  dalla legge nazionale cosiddetta Delrio, e presentando le proposte di  modifica come un  aggiornamento  dovuto rispetto alla preesistente normativa (215/2012)(2)  che fissava ad 1/3 la proporzione”.  Posizione da respingere,  dato che  lo Statuto vigente, approvato il 7 marzo 2013, sarebbe caso mai da aggiornare  con quanto previsto dalla successiva legge Delrio. Aggiornamento che in ogni  caso non è per niente “dovuto” perché la legge dispone che “nessuno dei due sessi può essere rappresentato in misura inferiore al 40 per cento”, e che quindi nulla vieta ai Comuni di prevedere il criterio paritario, come quello ora vigente per Roma Capitale.

vedi anche http://www.carteinregola.it/index.php/il-problematico-rapporto-tra-m5s-e-societa-civile/#

XV GIORNATA DELLA PRIMAVERA all’Inviolatella Borghese nel Parco di Veio

31 maggio 2017

XV GIORNATA DELLA PRIMAVERA blocca la data

Sabato 10 giugno 2017, alle ore  16.30, organizzata dalla Sezione di Roma di Italia Nostra e da Aspettare Stanca, con la partecipazione dell’Associazione Giovanile Musicale, si terrà la XV Giornata della Primavera all’interno dell’Inviolatella Borghese.

PROGRAMMA: passeggiata naturalistica, performance di giovani musicisti, confronto sui progetti per il Grande Parco pubblico, picnic (sono graditi contributi mangerecci), premi e animazione per i più piccoli.

L’impegno di  tante persone ha sconfitto la cementificazione, proseguiamo per

rispettare l’ambiente ed evitare il degrado.

Ingresso: Via dell’Inviolatella Borghese (seconda traversa a destra, sulla Cassia Nuova, per chi viene da Corso Francia).

Vola sull’Inviolatella http://videoinvolo.com/inviolatella/index.html

Per informazioni: Rosanna tel. 3386705939, Mario 3333613682 info@aspettarestanca.it,

LIBERIAMO LA STORIA DELLE DONNE

27 aprile 2017

Con preghiera di firmare e divulgare. Grazie.

PETIZIONE Petizione – Liberiamo la storia delle donne (2)

Diretta a Monica Maggioni Presidente RAI e Valeria Fedeli Ministra dell’Istruzione

https://www.change.org/p/monica-maggioni-presidente-rai-e-valeria-fedeli-ministra-dell-istruzione-liberiamo-la-storia-delle-donne

In questo 25 aprile Marisa Cinciari Rodano e Rosanna Oliva de Conciliis, anche a nome delle firmatarie, chiedono:

alla Rai TV di rendere visionabili e disponibili al pubblico, in apposita sezione di Teche Rai e utilizzabili non a fini di lucro, i materiali di repertorio utili a ricostruire la Storia delle donne;

al MIUR di agire perché la Storia delle donne abbia una equa rappresentazione nelle scuole.

Come prima azione chiediamo che sia sbloccato il documentario della Rete delle reti femminili “Le donne nella Resistenza. E perché alle partigiane fu negato di sfilare dopo la Liberazione”: https://www.youtube.com/watch?v=u_t6mbT2CBM, oscurato perché contenente anche clip di proprietà Rai.

La storia delle donne, sistematicamente ignorata anche dai programmi di scuola e dai libri scolastici, deve essere liberata e riportata alla luce.

Il servizio pubblico prenda esempio dalla recente pubblicazione online dell’immane archivio segreto del Vaticano: http://asv.vatican.va/content/archiviosegretovaticano/it/consultazione.html. Se il Vaticano ha reso possibile l’accesso libero e gratuito all’immenso patrimonio dei suoi contenuti, lo Stato italiano potrà ben fare qualcosa per restituire alle donne ciò che è rimasto della loro storia, a lungo negata e nascosta.

Marisa Cinciari Rodano

Rosanna Oliva de Conciliis

DonneinQuota

Rete delle Reti

 

A San Valentino un dono alle persone care: doppio cognome per noi e per figlie e figli.

14 febbraio 2017

comunicato-stampa-di-aspettare-stanca-1

 

A  partire da oggi un prezioso gesto d’amore.

 

Suggeriamo:

  • a tutte e tutti di aggiungere sui profili FaceBook il cognome materno al nostro solo cognome paterno finora imposto dalla legge, seguendo l’esempio di chi lo ha già fatto dopo la sentenza della Corte costituzionale, come gesto d’amore verso le nostre madri.

 

agli uomini di impegnarsi ad attribuire  i cognomi della mamma e del papà alle figlie e ai figli     che             nasceranno, (come ora è reso possibile per le nuove nascite a seguito della sentenza) e di   farlo    anche per i figli già nati, purché minorenni, non appena sarà possibile con la legge che             regolamenterà i cognomi dei figli e delle figlie minorenni, come gesto d’amore verso le loro    compagne

 

 

Gesti d’amore  di padri e madri anche verso figlie e figli, ai quali, attraverso il doppio cognome sarà riconosciuto il diritto alla completa identità del ramo materno e paterno,. che rompa con retaggi culturali ormai superati.

 

– –  – – –

 

A 68 anni dalla Costituzione, a 41 anni alla riforma del diritto di famiglia, a 37 anni dalla presentazione della prima proposta di legge in Parlamento, a 10 anni dal monito della Corte costituzionale al Parlamento, a oltre 2 anni dalla condanna dell’Italia da parte della Corte di Strasburgo, nell’udienza dell’otto novembre 2016 la Corte costituzionale, con la propria sentenza ha eliminato l’automatica attribuzione del solo cognome paterno, anche in presenza di una diversa volontà di genitori.

 

Un risultato immediato e importante, ma ancora parziale. Siamo tutt’ora in attesa di una legge, definita dalla Corte costituzionale, indifferibile. La Rete per la Parità, dalla sua fondazione nel 2010 è in prima linea nell’impegno per dare visibilità alle madri e non penalizzare figlie e figli.

 

 

 Da Aspettare stanca, una delle associazioni della Rete per la Parità, che chiede dal 2010 il doppio cognome per legge  in attuazione dei principi costituzionali, di recente richiamati dalla sentenza n. 286/2016 della Corte costituzionale.

 

Roma, 14 febbraio 2017

Per contatti: 3386705939 info@aspettarestanca.it