Archive for novembre 2019

Bando Sviluppo Impresa Camera di Commercio di Roma

29 novembre 2019

 

Indetto un bando al fine di supportare le imprese di Roma e provincia nella fase successiva alla loro costituzione, nello sviluppo dell’attività produttiva e nella digitalizzazione e innovazione dei processi aziendali e dei prodotti.

La Camera di Commercio di Roma ha indetto un bando al fine di supportare le imprese di Roma e provincia nella fase successiva alla loro costituzione, nello sviluppo dell’attività produttiva e nella digitalizzazione e innovazione dei processi aziendali e dei prodotti, attraverso un intervento che valorizzi gli investimenti effettuati e contribuisca a consolidare un circolo virtuoso fra imprese, Banche e Consorzi di garanzia fidi.

La Camera mette a disposizione delle imprese di Roma e provincia n. 3 misure di intervento principali, sotto forma di voucher per il costo di servizi ad alto valore aggiunto erogati direttamente dai Soggetti Attuatori dell’iniziativa, secondo quanto di seguito riportato:

  1. A) VOUCHER accompagnamento e tutoraggio start up:
  • valutazione della fattibilità e sostenibilità economica del progetto imprenditoriale
  • supporto nella definizione della strategia di sviluppo del progetto e nell’analisi delle soluzioni per lo svolgimento dell’attività
  • supporto nella redazione del business plan secondo gli standard riconosciuti dal sistema bancario
  • presentazione di relazioni o lettere che evidenzino alle banche le caratteristiche del progetto imprenditoriale
  • analisi dell’andamento dell’iniziativa condividendo con l’imprenditoriale azioni correttive necessarie a garantire il successo dell’iniziativa
  • eventuali corsi e seminari di cultura economico-finanziaria sulle dinamiche aziendali
  1. B) VOUCHER monitoraggio e sostegno alle PMI:
  • analisi economico-finanziarie dell’impresa
  • esame delle banche dati pubbliche e private (Centrale Rischi Banca d’Italia, Crif, Cerved)
  • elaborazione di rating
  • verifica dell’ammissibilità al Fondo Centrale di Garanzia
  1. C) VOUCHER digitalizzazione e innovazione:
  • sostegno all’elaborazione di un piano di innovazione digitale
  • interventi per l’introduzione di tecnologie 4.0 nell’impresa
  • interventi per la digitalizzazione di processi produttivi nell’impresa
  • introduzione e/o sviluppo di tecnologie finanziarie (FinTech) in azienda

Le misure principali sono alternative fra loro: ogni impresa può accedere ad una sola misura di intervento principale. Il valore massimo del voucher ottenibile da ciascuna impresa è modulato come segue:

TIPOLOGIA IMPRESA VALORE MAX VOUCHER VALORE MAX VOUCHER
ditta individuale, società di persone € 2.500,00 (duemilacinquecento/00)
società di capitali, consorzi, cooperative € 5.000,00 (cinquemila/00)

Accanto a tali misure di intervento, la Camera rende disponibili n. 2 (due) misure di intervento accessorie, del valore massimo di € 2.500,00 (duemilacinquecento/00) ciascuna, volte a valorizzare gli investimenti effettuati dalle medesime imprese in uno dei tre ambiti di cui sopra, secondo quanto di seguito riportato:

1) VOUCHER abbattimento tassi in conto interesse:

FINANZIAMENTO AGEVOLABILE:
ammontare: min. € 10.000,00 – max € 100.000,00
durata: min. 12 mesi – max 60 mesi
tasso: EURIBOR 1 mese + spread 4%

Le caratteristiche minime del finanziamento costituiscono requisiti di ammissibilità del Finanziamento all’agevolazione; le caratteristiche massime costituiscono il limite di applicazione dell’agevolazione al finanziamento.

2) VOUCHER abbattimento costo garanzia:

abbattimento del costo della garanzia e della relativa pratica presso uno dei Soggetti Attuatori, sostenuto dall’impresa per accedere al finanziamento, per le spese di istruttoria, gestione pratica, commissioni e fondo rischi.

Le misure accessorie sono cumulabili fra loro e possono essere richieste solo se viene attivata una delle misure di intervento principali.

Soggetti beneficiari
Possono beneficiare delle agevolazioni le microimprese, le piccole imprese e le medie imprese aventi sede legale e/o unità locale iscritta presso il Registro delle Imprese della Camera.

Le imprese devono essere attive, in regola con l’iscrizione al Registro delle Imprese e con il pagamento del diritto annuale, e devono aver stipulato ed ottenuto un finanziamento garantito o cogarantito da un Soggetto Attuatore dell’iniziativa a partire dal 1° luglio 2019.

La domanda di contributo deve essere presentata da uno dei Soggetti Attuatori dell’iniziativa sulla base di apposita delega ricevuta dall’impresa richiedente.

Scadenza
L’iniziativa ha validità fino al 31 dicembre 2020. Le domande inviate dal 1° gennaio 2020 vengono eventualmente ammesse solo a seguito dell’autorizzazione all’utilizzo delle risorse inserite nel preventivo economico 2020 della Camera.

In caso di mancata autorizzazione, la misura si intende chiusa anticipatamente al 31 dicembre 2019.

di Sercam Advisory | 28 Novembre 2019, ore 09:00

McKinsey: ecco cosa impedisce a 1 mln di donne di diventare manager

28 novembre 2019

FORTUNE Italia  16 Ottobre 2019

McKinsey: ecco cosa impedisce a 1 mln di donne di diventare manager

Carlotta Balena

Altro che soffitto di cristallo. La carriera di una donna “inciampa” ben prima di poter arrivare alle stanze più in alto del grattacielo. Secondo una ricerca di McKinsey e Lean In, infatti, c’è un collo di bottiglia che impedisce alle donne di progredire sul posto di lavoro, e si trova all’ingresso di quello che in inglese si chiama C-suite, cioè il ruolo dirigenziale. Per ogni 100 uomini, solo 72 donne vengono promosse al primo step da manager: pertanto, le donne ricoprono solo il 38% dei posti dirigenziali di base; la maggior parte resta bloccata in ruoli entry-level e solo in poche arrivano a competere con gli uomini per posizioni “senior”.

“Finché non si aggiusta il primo gradino della scala, le donne faranno sempre fatica a raggiungere l’uguaglianza, se mai ci arriveranno” scrive il report “Women in the Workplace 2019”, arrivato 5 anni dopo la sua prima edizione, e realizzato da  McKinsey & Company e dall’organizzazione Lean In, fondata dall’attuale direttore operativo di Facebook Sheryl Sandberg, dall’omonimo libro scritto dall’imprenditrice per spingere le donne a “farsi avanti” (lean in, appunto). Il campione preso in considerazione è di oltre 68 mila lavoratori in 329 grandi aziende (che impiegano totalmente 13 milioni di persone). Qualora si riuscisse a rompere l’argine che impedisce l’accesso di una donna al suo ruolo dirigenziale – calcola il report – nei prossimi cinque anni si avrebbe un milione di donne manager in più. 

Dunque, il problema non è il soffitto di cristallo, anzi: secondo i dati, in America non ci sono mai state così tante donne ai ruoli dirigenziali come oggi. Sempre una minoranza, per carità: è donna il 21% dei top manager contro il 79% degli uomini. Ma questo non è il problema più grande. Secondo McKinsey e Lean In l’ostacolo è proprio all’entrata del mondo dirigenziale, che accoglie molti più uomini rispetto alle donne: un “trend” che poi si mantiene per tutti gli altri gradi. Ecco allora il problema: le presenze femminili diminuiscono proporzionalmente quanto più in alto si sale con le posizioni. “Il numero di donne scende a ogni livello successivo al primo – dice il co-founder di Leanin.org, Rachel Thomas – quindi anche se registriamo più manager donna ai livelli senior, la parità in generale è ancora lontanissima. Semplicemente, le donne che vanno avanti sono ancora troppo poche”.

Il gap nelle promozioni si allarga quando i ricercatori mettono sotto la lente di ingrandimento le donne latine e afroamericane: per ogni 100 uomini promossi a dirigenti, accedono solo 58 donne afroamericane e 68 latine. Del problema non c’è grande consapevolezza: chiedendo quale sia il più grande innesco alla parità di genere, solo 19% dei capi delle risorse umane risponde la promozione di donne al primo livello dirigenziale. Il report di McKinsey e Lean In suggerisce alcune soluzioni da adottare per bilanciare il gender gap: definire una quota per il numero di donne da promuovere per al primo livello di manager, far sì che chi si occupa delle assunzioni sia scevro da pregiudizi, stabilire un processo di assunzione e promozione chiaro e trasparente. Inoltre, è importante permettere alle donne di fare quelle esperienze di formazione che permettano loro di arrivare preparate a ricoprire fuori di alto profilo e responsabilità.

Colmare il gender gap nelle aziende non è solo giusto eticamente, ma è anche più redditizio sotto il profilo economico. Avere più donne significa avvalersi di talenti che oggi restano tagliati fuori semplicemente sulla base di criteri legati al genere. Secondo il Wall Street Journal, se nella forza lavoro statunitense ci fossero tante donne quanti uomini, si avrebbe un apporto di 4,3 trilioni di dollari all’economia americana da qui al 2025, con una maggiore stabilità finanziaria per molte famiglie. E molta più civiltà.

“Mappe della disuguaglianza”

23 novembre 2019

Da Massimo Marnetto

Vado ad una discussione sul libro “Mappe della disuguaglianza” (K.Lelo, S.Monni, S.Tomassi, Ed. Donizelli – Postfazione Walter Tocci) con il docente di economia dello sviluppo Salvatore Monni e Walter Tocci, uno dei politici più intelligenti della sinistra. Lo sforzo di questo studio ragionato su Roma è far capire – attraverso mappe colorate da vari indicatori – la situazione della città nelle sue asimmetrie. “Abbiamo scelto le mappe – dice il prof. Monni – perché l’immagine è più potente di una descrizione, anche se non la sostituisce. Non abbiamo dovuto cercare chissà dove i dati, perché quelli ci sono, ma nessuno li elabora. Noi invece abbiamo trattato Roma come si fa con i paese in via di sviluppo, dove non ci si ferma al reddito pro-capite, ma scavando trovi una distribuzione scandalosa delle ricchezza, circoscritta a poche famiglie, mentre il resto della popolazione soffre una miseria stagnante”.

 

Nell’esposizione, mi colpisce non tanto la concentrazione di laureati in centro, ma la componente femminile dei (pochi) laureati nelle periferie. Il riscatto culturale è rosa, ma questo non sana la discriminazione di genere. “Una donna anche se laureata – spiega Manni – con il primo figlio viene spesso espulsa dalla possibilità di mantenere un lavoro già precario e se ce la fa a rientrare dopo lo svezzamento, viene demansionata. Con il secondo figlio e senza asili comunali a prezzi calmierati, resta a casa, perché una baby sitter costa più di quanto può guadagnare”.

 

Nella mappa della popolazione, lo svuotamento del centro è  un vero “buco” bianco di anziani, uffici e B&B, con colorazioni sempre più intese di residenti che aumentano andando verso le periferie. Che benché più abitate soffrono di di servizi più scarsi. Chiedo quanto l’abusivismo abbia complicato la situazione. “Molto – risponde il docente – perché se fai palazzi senza pensarli insieme ai servizi urbani di viabilità, scuole,  pubblica sicurezza ecc., poi hai un territorio sgranato e malservito”.

Chiedo se chi siede in Campidoglio conosca queste analisi e ne faccia uso. “Tranne poche eccezioni, non interessano. Eppure, abbiamo aperto alla consultazione le nostre ricerche sul sito mapperoma.info“.

 

Allora mi rivolgo a Tocci: “Perché questa decadenza della classe politica nazionale e locale?”. “Perché – risponde – si è rotto il raccordo tra intellettuali e popolo, che reggeva il vecchio PCI. Per noi giovani universitari (Tocci è laureato in Fisica e Filosofia) rappresentare gli ultimi, le periferie, i lavoratori significava studiare problemi e soluzioni, ascoltare chi li soffriva andando nelle borgate e poi fare sintesi in proposte di giustizia sociale”. Incalzo: “Ma mancano più gli ideali o la competenza?” Sorride, per la riluttanza a dare voti: “Forse entrambi. La selezione delle nuove classi dirigenti dovrebbe essere più accurata e partire dal volontariato civile. Nelle periferie ci sono esperienze di promozione sociale incredibili, ma se a questi comitati per il decoro, lotta alla povertà, auto-aiuto parli di partiti se ne vanno. Perché non hanno rappresentanza, né fiducia. Le periferie al massimo si frequentano in campagna elettorale, ma poi rimangono marginali per i decisori, anche se non voglio generalizzare”.

 

Siamo non molti, ma l’interesse per il tema ci fa dimenticare che abbiamo chi ci aspetta a cena. Monni ci ringrazia e non si scompone per il numero di presenti non proprio alto. “E’ normale – dice spegnendo il computer – quando si parla di disuguaglianze in periferia facciamo il pienone, con tanti giovani. In centro, ci si deve accontentare di chi è rimasto e ha ancora voglia di capire”.