La concorrenza migliora i servi pubblici?

by

 

 

Ce lo stiamo chiedendo a Roma, in vista del referendum sull’Atac (Azienda dei trasporti pubblici del Comune) per scegliere se continuare a dare il servizio del trasporto pubblico direttamente alla controllata (in house) oppure metterlo a gara dopo aver fissato i livelli di prestazioni, lasciando al Comune il controllo di adempimento.

 

La risposta non è semplice e dico subito che ancora non ho deciso. Incide infatti il pessimo servizio erogato fino ad oggi, con un lassismo organizzativo – complici politici, dirigenti e sindacalisti incapaci (e spesso collusi) – che ha sottratto funzionalità e risorse a questa azienda, senza che il Comune controllasse e intervenisse. Ne consegue che il Comune di Roma si è rivelato fino ad oggi sia un pessimo gestore (ruolo della scelta in house), sia un disastroso controllore (ruolo dell’affidamento a gara).

 

Quindi, non è la formula dell’affidamento che potrà migliorare le cose, ma una classe politica più vigile, magari perché incalzata da una cittadinanza più informata ed esigente. Insomma il referendum – a prescindere dal suo risultato – mi sembra una riflessione collaterale, non una soluzione strutturale.

 

Massimo Marnetto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: