Archive for 11 dicembre 2015

Tra Stabilità e Festività l’elezione (finora mancata) di tre giudici della Corte Costituzionale. 50 associazioni a Parlamento: eleggete tre donne

11 dicembre 2015

Tre donne nella Corte Costituzionale per uscire da un ritardo inaccettabile, è la richiesta dell’Accordo di Azione Comune per la Democrazia paritaria, ripresa dalle due agenzie allegate.

ADNKRONOS Comunicato Donne alla Consulta 2015 (2) ANSA Comunicato Donne alla Consulta 2015 (2)

Non ancora battuto il record dei 623 giorni impiegati, tra il 1995 e il 1997, per sostituire Vincenzo Caianiello con Annibale Marini. Chissà se basteranno 535 giorni perché il Parlamento riesca finalmente a eleggere i tre giudici della Corte Costituzionale mancanti. Tanti ne saranno trascorsi lunedì, quando le Camere torneranno a riunirsi in seduta comune, dopo che le precedenti si sono concluse senza esito. Il risultato è che la Corte è costretta a lavorare a ranghi incompleti dalla fine di giugno dello scorso anno: all’epoca terminarono il loro mandato Luigi Mazzella e Gaetano Silvestri, seguiti a novembre da Giuseppe Tesauro, Sabino Cassese e Paolo Maria Napolitano e, a inizio anno, da Sergio Mattarella, eletto a gennaio presidente della Repubblica.
Sei giudici scaduti, sostituiti solo da tre, grazie alla nomina parlamentare di Silvana Sciarra e alle designazioni di Daria de Pretis e Nicolò Zanon da parte dell’allora capo dello Stato Giorgio Napolitano. Mancano tre giudici, con tutte le ovvie e gravi conseguenze sul funzionamento del supremo organo di garanzia costituzionale. Tra i partiti, però, non si trova un accordo e senza un’ampia convergenza non ci sono margini per raggiungere il quorum dei tre quinti necessario.
Il Presidente della Repubblica e quelli delle Camere, e lo stesso Presidente della Consulta, hanno espresso preoccupazioni per un ritardo che rischia di compromettere il funzionamento della Corte. È vero che, negli ultimi anni, i ritardi sono stati frequenti, e i tempi si sono spesso dilatati, così come, nel 1991, il ritardo di un anno, da parte del Parlamento, giustificò l’intervento del presidente della Repubblica Cossiga: in un messaggio alle Camere minacciò, di fatto, lo scioglimento. Scioglimento che alcuni costituzionalisti non escludono possa intervenire.
La ripresa del voto per i giudici costituzionali a Camere riunite è fissata per lunedì 14 dicembre, alle 15. Il 23, anti vigilia di Natale, le vacanze. Niente sedute ad oltranza per quest’anno?. (more…)