contro la violenza 2 LUGLIO 2012 ORE 18.30 ROMA, PONTE MAZZINI (LATO REGINA COELI) L’unica rivoluzione possibile è paritaria

by

Un Ponte contro la violenza, presente anche su facebook ed alla Casa Internazionale delle Donne, ha promosso ogni lunedì un flashmob sul Ponte Mazzini ed il prossimo lunedì, il 2 luglio alle ore 18.30 lancia una sfida agli uomini: venite e manifestate insieme a noi.

E’ un gesto importante: non potremo davvero combattere la violenza di genere se non riusciremo a coinvolgere gli uomini che ne sono purtroppo gli attori principali, a modificare le relazioni tra i sessi, ad accrescere il livello di consapevolezza, a spingere un numero sempre crescente di uomini a gridare insieme a noi “basta”

Come vedete dal volantino allegato per lunedì servono 73 uomini, pari al numero dei  femminicidi compiuti in Italia dal 1 gennaio, ognuno dei quali “rappresenti” una donna uccisa, portando un cartello con il suo nome…noi donne li accompagneremo.

Partecipiamo e, soprattutto coinvolgiamo UOMINI! Potete segnalare le presenze a snoq.roma@gmail.com o a tina_heger@yahoo.de oppure semplicemente incontrarci lunedì sul Ponte

2 LUGLIO 2012  ORE 18.30

ROMA, PONTE MAZZINI (LATO REGINA COELI)

 L’unica rivoluzione possibile è paritaria

 I dati del femminicidio e della  violenza maschile sulle donne.

In Italia una donna su tre ha subito violenze. Il 76% delle violenze nel nostro Paese avviene tra le mura domestiche ad opera di ex partner, mariti, compagni o persone conosciute ed è, stando all’Onu, la causa del 70% dei femminicidi.

 

In Italia, nel 2011 sono morte 127 donne, il 6,7% in più rispetto al 2010. Di questi omicidi, 7 su 10 sono avvenuti dopo maltrattamenti o forme di violenza fisica o psicologica.

E per il 2012 i dati non sono confortanti: 77 vittime di violenza  fino a giugno e più di 90 le donne gravemente ferite.

 

La violenza domestica registra un tasso del 78,21% e colpisce donne in tutto il Paese. Il 34,5% delle donne ha segnalato di essere vittima di incidenti violenti eppure solo il 18,2% delle vittime considera la violenza domestica un crimine mentre per il 36% è un “evento normale”. Solo il 26,5% delle donne considera lo stupro o il tentato stupro un crimine.

Il resto delle donne non denuncia. Subisce in silenzio. “Pensa” che questa sia la vita. Finché resta in vita.

Questi dati ci collocano tra i paesi più violenti del mondo e al top in Europa. Ma i mass media parlano di follie e di raptus, di amore estremo, di passione, di gelosia. Il legislatore applica le legge in modo inadeguato. I persecutori sono dipinti come vittime.

LA VIOLENZA È SOLO VIOLENZA.

 

E se i tagli alla scuola non facilitano l’impiego di risorse per creare programmi educativi alternativi al sessismo dominante, il non sostegno economico ai centri di accoglienza e alle strutture di volontari impedisce di apportare aiuti concreti alle vittime.

DI PREVENIRE LA VIOLENZA. DI CURARNE GLI EFFETTI.

 

È  davvero difficile immaginare una donna capace di uscire dal silenzio denunciando maltrattamenti e persecuzioni prima che tutto sfoci in un femminicidio.

 

PERCHÉ QUESTO STATO, QUESTE LEGGI, QUESTA POLIZIA CI LASCIANO SOLE.

 

Noi donne per 4 mesi ogni lunedì ci siamo date appuntamento sul ponte Mazzini per dare voce al tragico silenzio del femminicidio. Abbiamo sfilato con i cartelli e i nomi delle vittime, in silenzio.

PERCHÈ MORIRE PER MANO DI UN UOMO

non è un fatto di cronaca nera ma un male sociale.

Fare della lotta alla violenza una battaglia civile

è un dovere di tutti: uomini e donne.

 

Per questo OGGI chiediamo a VOI UOMINI di essere su questo Ponte, di farvi testimoni di un atto di solidarietà civile. Di uscire allo scoperto e dire: Basta!

 

SE VOGLIAMO CAMBIARE QUALCOSA DOBBIAMO FARLO INSIEME.

Annunci

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: